Newsletter
Per iscriverti alla nostra newsletter č sufficiente inserire la tua email nel campo sottostante.

Social network
la famija turineisa su facebook la famija turineisa su flickr

Storia dell'Associazione

Nel 1925 un gruppo di torinesi e piemontesi animati dall'amore per la propria terra ed accomunati dal proposito di un "ideal superior a tute le meschinità politiche, ritornand a le tradission paesan-e, a difèisa d'ij italian" decisero di fondare un'associazione, la Famija Turinèisa che ottenne un consenso immediato di adesioni in tutti gli strati della popolazione.

Dal 1926 la Famija ha promosso la rinascita del Carnevale con tutte le manifestazioni di contorno e la ripresa della figura di Gianduja che viene eletto ogni anno con  atto notarile pubblico. Gianduja e Giacometta partecipano tutto l'anno ad un fitto calendario di incontri, feste popolari, visite, accompagnati da un gruppo di Giacomette provenienti dal liceo coreutico del Teatro Nuovo di Torino. Sono presenti anche alle manifestazioni che la Famija organizza con il Comune per i festeggiamenti del Santo Patrono.

Il cammino che l'associazione ha percorso è andato di pari passo con gli avvenimenti storici del nostro paese, ma la Famija ha sempre saputo lavorare per proseguire negli intenti prefissati, impegnandosi sia in campo sociale che culturale promuovendo incontri, conferenze, dibattiti, mostre per la valorizzazione del patrimonio artistico e letterario della città e della regione.

Oggi la Famija Turinèisa è un'associazione viva dodici mesi all'anno, dove i soci, possono ritrovare all'interno dell'associazione un ambiente familiare dove trascorrere piacevoli pomeriggi o serate. Inoltre presso la sede, per i Soci, è in funzione il ristorante della Famija.

La Famija Turineisa è inoltre proprietaria dei locali che la ospitano, in un palazzo di fine '700, Palazzo Chiavarina di Rubiana, con ingresso proprio, situato in Via Po 43, una delle zone più antiche di Torino.

La Famija Turinèisa, pur con le diverse etnie presenti nella nostra città, continua a mantenere vive le tradizioni di Torino e del Piemonte, intrattenendo scambi culturali con le varie associazioni che qui hanno sede.